Salta gli elementi di navigazione
banner
logo ridotto
logo-salomone
Corso di Laurea Magistrale a Ciclo Unico in Medicina e Chirurgia

Attività di tutorato e sostegno agli studenti

Gli studenti iscritti ai corsi di laurea magistrale, magistrale a ciclo unico e ai corsi di dottorato di ricerca possono svolgere attività di tutorato, attività didattico-integrative, propedeutiche e di recupero, retribuite con specifici assegni, in base a selezioni bandite periodicamente (informazioni). 

icona facebook  Siamo anche su Facebook

 

Sono in difficoltà, avrei bisogno di qualcuno che mi aiuti in modo pratico a chi posso rivolgermi?

Ai Tutor in itinere

 

Chi sono i tutor in itinere?

Una squadra di 8 studenti e due dottorande è a tua disposizione per aiutarti a capire meglio regolamenti e modalità d'esame. Sostegno alla preparazione degli esami: informazioni su materiale didattico e metodo di studio.

 

A chi si rivolge il servizio?

Agli studenti del Corso di Laurea in Medicina e Chirurgia iscritti ai primi tre anni.

 

Come li posso contattare?

Via email scrivendo a: tutor.medicina-lATsc-saluteumana.unifi.it
Tramite facebook.

 

Dove li posso trovare?

- LUNEDI': ore 14 - 17 al Centro Didattico Morgagni (responsabili Lediona, Elena, Calice)
- MARTEDI': ore 16 - 19 alla biblioteca Biomedica (responsabili Olta e Rudi)
- MERCOLEDI': dalle ore 10.00 alle ore 13.00 presso la stanza 27 al II piano del Cubo ala est (responsabile Cecilia). Si entra accanto al bar del cubo suonando, aspettare la luce verde e aprire la porta, fare due piani di scale e girare a destra, fare tutto il corridoio fino allo snodo che porta all'ala nord, in corrispondenza della porta dalla quale si accede al mini atrio, sulla destra c'è la porta numero 27. Sembra difficile ma non lo è!
- GIOVEDI': ore 16 - 19 alla biblioteca Biomedica (responsabili Lucrezia ed Elisa).

 

Come viene calcolato il voto di laurea?

Con il Consiglio di Corso di Laurea del 9 giugno 2016, sono state introdotte nuove modalità per l'assegnazione del voto di laurea, nell'ottica di uniformare il più possibile le regole dei vari atenei italiani, dopo l'istituzione del concorso nazionale per le Scuole di Specializzazione.
Il concorso prevede infatti che vengano assegnati alcuni punti basati sul curriculum universitario dello studente, tra cui appunto il voto di laurea.
La nuova modalità è valida a partire dalla coorte 2016-2017, cioè per gli studenti iscritti al primo anno del CdL in Medicina e Chirurgia nell’a.a. 2016-2017.
Per gli studenti iscritti dal secondo anno in poi, è in vigore ancora la vecchia modalità, ma vengono applicate le nuove regole qualora queste risultino più favorevoli per lo studente al momento del calcolo del voto.

 

Come si calcola in pratica il voto di laurea?

Il voto di partenza è determinato dalla media aritmetica, a cui si possono aggiungere fino a 14 punti così calcolati:

  • fino a 7 punti a discrezione della Commissione di Laurea per la discussione della tesi (che giudica quindi il lavoro svolto per la tesi, la qualità della tesi, le capacità espositive del candidato)
  • fino a 7 punti di bonus che vengono assegnati secondo le seguenti modalità:
    3 punti se il titolo viene conseguito in 6 anni, senza quindi mai essere ripetente o fuori corso a Medicina
    1 punto se il titolo viene conseguito in 7 anni, con un solo anno ripetente o fuori corso a Medicina
    0,4 punti per ogni lode fino a un massimo di 4 punti1 punto per la partecipazione a scambi internazionali che prevedono un bando di Ateneo.
    0,5 punti per ogni Progress Test effettuato, qualora sia superato il punteggio minimo stabilito (note transitorie: per l’a.a. 2015-16 sarà valutata solo la presenza, ai fini dell’attribuzione del bonus; fino alla coorte 2016-17 saranno attribuiti punti pari a 3 x il rapporto fra il numero dei Progress test sostenuti e il numero dei progress test sostenibili, fino ad un massimo di 2 punti.
    Dall’a.a. 2016-17 verrà attribuito il bonus solo con valutazione >30 nei primi tre anni e > 60 negli ultimi tre anni fino ad una rideterminazione della soglia negli anni successivi (valutazione pari alla percentuale di risposte giuste nelle materie di base sommata a quella nelle materie cliniche).
    Lode attribuita con un punteggio minimo di 113.

 

Quali sono le “vecchie modalità” del voto di laurea?

La vecchia modalità prevede il voto di partenza calcolato sulla media ponderata e poi fino a 11 punti a discrezione della commissione.
La commissione si baserà sulla qualità della tesi e la sua esposizione, principalmente, ma anche sul tempo impiegato per conseguire la laurea ed eventuali progetti all'estero. La lode è attribuita con parere unanime della commissione.

 

Ho fatto due progetti Erasmus. È previsto un punto per ciascuno?

No, è un punto al massimo.

 

Sono entrato a Medicina dopo due anni in un’altra facoltà. Ho diritto ai 3 punti bonus se mi laureo in 6 anni?

Si, gli anni da ripetente o fuori corso vengono calcolati solo dal momento dell’iscrizione a Medicina.

 

Cos’è il Progress Test?

Il progress test è una iniziativa alla quale aderiscono quasi tutti i CdL in Medicina e Chirurgia italiani. Il suo obiettivo è implementare una forma di valutazione routinaria del corso di laurea, e in particolare della progressione delle conoscenze acquisite e della loro persistenza nel tempo.
In concreto, il progress test viene attuato attraverso un pool di domande, costituito da 300 quesiti con risposta a scelta multipla (150 relativi alle scienze di base e 150 relativi a discipline cliniche, con 5 risposte proposte delle quali solo una corretta). Le stesse domande vengono proposte a studenti dei diversi anni di corso, allo scopo di confrontare la percentuale di riposte esatte nei diversi momenti della carriera dello studente.
Partecipare al Progress Test dal prossimo anno sarà obbligatorio.
La partecipazione al test consentirà:
•    di valutare la preparazione e di seguirne nel tempo l'andamento;
•    di esercitarsi ai fini dell'Esame di Stato, che fra breve sarà sostituito da Progress Test;
•    di aumentare il punteggio di laurea;
•    di avere riconosciuti 0,5 CFU di Attività Didattiche Elettive, partecipando ad entrambe le sessioni. La registrazione di 0.5 CFU verrà fatta d'ufficio dalla segreteria. La presenza ad una sola delle due sessioni non dà diritto ad alcun tipo di riconoscimento in CFU.

 

Ci sono alcuni anni in cui il Progress Test non è stato organizzato. Quei punti vengono perduti?

No, perché fino alla coorte 2016/2017 verrà fatta una proporzione rispetto ai Progress Test effettivamente organizzati, fino a un massimo di due punti. Il punteggio bonus verrà infatti calcolato come segue:
3 X (numero dei PT sostenuti)/(numero dei PT sostenibili)

 

Cosa si intende con coorte 2016-2017? Chi si laurea o chi si iscrive?

Si intende chi si iscrive. Per gli studenti già iscritti, la commissione provvederà a scegliere il metodo più favorevole allo studente tra il vecchio e il nuovo.

 

Cosa vuol dire essere ripetente e che cosa comporta?

Per ogni anno di corso ci sono degli esami che devono essere obbligatoriamente sostenuti per accedere all’anno successivo. Il termine è la sessione invernale di recupero. Qualora uno studente non riesca a superare entro questo termine, uno o più degli esami di sbarramento, diventa ripetente.
Questo comporta che fino alla sessione invernale successiva, non potrà sostenere gli esami dell’anno successivo.Facciamo un esempio molto pratico.
Mi sono iscritto al primo anno di Medicina nell’a.a. 2016-2017. Ho tempo fino a fine febbraio 2018 per dare i tre esami di sbarramento del primo anno, cioè Biologia, Chimica e Istologia. Se entro quel termine, non riesco a darne uno o più, vengo iscritto al primo anno come “ripetente”. Questo comporta che fino alla sessione invernale 2019 non posso sostenere gli esami del secondo anno.

 

Cosa vuole dire “iscritto a un anno X sub conditione”?

Fino alla sessione di recupero invernale, tutti gli studenti sono iscritti al loro anno di appartenenza con la dicitura sub conditione, in quanto questa iscrizione è subordinata al superamento degli esami di sbarramento. Se entro febbraio lo studente non riesce a superare gli esami previsti, i primi giorni di marzo viene iscritto all’anno precedente come ripetente (per esempio: iscritto al secondo anno sub cond. -> iscritto al primo anno ripetente); viceversa verrà iscritto all’anno corrente come in pari (per esempio: iscritto al secondo anno sub cond. -> iscritto al secondo anno in corso).

 

Come si può effettuare un cambio di canale?

Gli studenti che hanno necessità di cambiare il proprio canale devono trovare un collega con cui scambiarsi e comunicare il cambio ai professori. Non è necessario darne informazione al Presidente di CdL né alla segreteria.

 

Ho sempre frequentato le lezioni nel canale A, ma sono del B. Posso fare l’esame con il professore del canale A?

No, devi obbligatoriamente trovare un collega con cui fare il cambio.

 

Quando inizierò a frequentare un tirocinio in ospedale?

Il primo tirocinio nei reparti clinici per gli studenti di medicina è previsto nel secondo semestre del terzo anno: per il corso di semeiotica.
Esiste la possibilità, a partire dal secondo semestre del terzo anno di partecipare a ADE individuali che prevedono la frequenza in reparto.
Una di queste è l’ADE in Pronto Soccorso. 
I medici da affiancare al Pronto Soccorso fanno il turno in quinta e quindi pomeriggio, mattina, notte, recupero e libero. Viene assegnato un medico che vi segue durante i tre turni e firma le presenze.
Solo alla fine dei 3 turni (ovvero 24 ore) verranno assegnati 3 crediti  ADE. Si puo fare più volte ma i crediti sono assegnati solo una volta.
In seguito, al quarto e al sesto anno, sono previsti dei tirocini di tre settimane ogni semestre in riferimento ai corsi svolti in quegli anni.
Al quinto anno è previsto un lungo tirocinio di quattro mesi che si svolge nel secondo semestre e comprende 5 settimane in medicina interna, 3 in chirurgia, 2 in DEA, 2 in medicina generale, 1 ortopedia, 1 terapia intensiva, e 2 settimane in un reparto a scelta.
Per avere accesso a qualsiasi tirocinio in un reparto ospedaliero o in Pronto Soccorso è importante avere seguito il corso di formazione per la sicurezza nei luoghi di lavoro.

 

Come posso sapere quali sono gli esami necessari per passare agli anni successivi?

Puoi trovare le informazioni relative, per ogni anno, sul sito web del corso di laurea (regole di passaggio valide per l’a.a. 2016-2017).
Controllate regolarmente questa pagina, perché possono concorrere negli anni delle modifiche alle regole di passaggio e sono informazioni sulle quali è bene essere sempre informati.

 

Quali sono le regole di passaggio dal primo al secondo anno? e dal secondo al terzo?

Tutte le regole di passaggio e le propedeuticità sono riportate nel sito web del corso di laurea, dal menu corso di studio -> norme e regolamenti -> regole di passaggio e propedeuticità esami.

 

Mi sono immatricolato al primo anno a metà dicembre e non ho potuto seguire le lezioni del primo semestre, posso comunque sostenere gli esami?

Si. I professori sono a conoscenza dello scorrere delle graduatorie e che alcuni studenti non riescono a frequentare una parte o tutte le lezioni del primo semestre.

 

Adempimenti obbligatori per la sicurezza nei luoghi di lavoro

 

Quando devo frequentare il corso?

Sarebbe preferibile il prima possibile, non appena vi è una data disponibile. Per frequentare i reparti è necessario aver frequentato il corso, pertanto è auspicabile che la frequenza sia espletata entro il primo tirocinio clinico, che si svolge il secondo semestre del terzo anno.

 
ultimo aggiornamento: 25-Mar-2017
UniFI Scuola di Scienze della Salute Umana Home Page

Inizio pagina